Il fantasma delle Brulle -3

Devo dire che mi sto gasando. Ho cominciato questo lavoro partendo da una decina di fogli manoscritti vecchi di 20 anni, anno più, anno meno a luglio dell’anno scorso. Ho sforato le 70.000 parole per arrivare a 3/4 della storia. Mi manca il finale cui intendo dare un bel botto e poi aggiustare il tutto per renderlo… leggibile. Non è suddiviso in capitoli, manca l’impaginazione e molto altro… ma ho fatto un raffronto con uno dei miei autori preferiti. Cercando su internet si trova di tutto, perfino un file ODT di un libro. Così ho preso uno dei suoi romanzi (che fa bella mostra di se in… cantina, visto che in casa con due bimbi non ho proprio posto per i libri!) e l’ho dato in pasto ad open office per tirare fuori un po’ di statistiche.

Il Cacciatore: 100148 parole, 615982 battute, 348 cartelle.

Il fantasma delle Brulle (se sarà questo il titolo): 70365 parole, 433942 battute, 248 cartelle.

Azo.

Ok, Cussler scrive da anni, ha esperienza e il Cacciatore è un signor romanzo, pieno di avventura, suspence, senso di meraviglia… però, nel mio piccolo, magari non ho un’agenzia di recuperi sottomarini, preferisco la montagna, ma… di esperienza comincio ad averne un po’.
Le torri del Vajolet, il ghiacciaio dell’Adamello, il Brenta, le Pale di S. Martino, le 3 cime di Lavaredo (ok, ci ho girato solo attorno), Ulhuru Peak (no, su quello ci son salito sopra, impiegando 4 giorni) e il Mt. Tongariro (in giornata)… e poi, con l’arrivo dei pupi, il più tranquillo Monte Autore, il Terminillo e il Gorzano (che comunque fa 2600 metri di cui gli ultimi 1200 da fare a piedi). Non vedo l’ora che crescano per fargli scoprire altri bei posti sempre più in alto.
Magari, in quello che scrivo, non si nota molto l’amore per la montagna… ma per l’avventura si e se il giro del lago di Albano a piedi può sembrare una passeggiatina, con due bimbi al seguito diventa incredibilmente entusiasmante. Spuntano fuori fate, elfi, draghi, orchi e ogni ben di dei, con un numero di dimensioni tutto da scoprire.

A proposito: se sei dimensioni vi sembrano troppe ricordo che il nostro universo ne ha, secondo alcune teorie, 42.

Tornando al mio fantasma mi sto accorgendo che, quanto a produzione, riesco a raggiungere in tempi accettabili valori paragonabili a quelli di autori ben più quotati.

Ok, per la qualità di ciò che scrivo… vedremo. Per ora mi sto divertendo.

…l’avventura continua.

Annunci