Diana Latàr

Nel gergo dei giochi di ruolo un personaggio come questo si chiama “PNG”: Personaggio Non Giocante. Poi durante l’assalto dei Razziatori di Etsiqaar s’è rivelata come il proverbiale cacio sugli altrettanto proverbiali maccheroni. Mi serviva una ragazza, mi serviva ribelle, determinata e pronta a quasi tutto, mi servivacosì punto e basta. Che poi lo abbia realmente fatto o meno be’, sono affari suoi no?
La figliola in questione è pure molto determinata: pur di raggiungere i propri obiettivi sarebbe stata disposta anche a distruggere la propria famiglia di origine. Se c’è riuscita o meno si può scoprire leggendo “I razziatori di Etsiqaar”, pubblicato su Amazon in questi giorni.
Qui vediamo di scoprire altri aspetti che la contraddistinguono:

Altezza: 166cm

Peso: 49kg, la vita di campagna non fa certo ingrassare.

Forza: riesce a sollevare lo zaino di Conrad, ha fiato da vendere e… meglio non averla di dietro con un coltello in mano (ma neanche davanti).

Intelligenza: rozza, sa guardare al presente, ma non considera molto le conseguenze delle sue azioni.

Carisma: ha fascino, doti recitative e presenza di spirito.

Agilità: quella di un gatto, silenziosità inclusa e pure una mira eccellente.

Carattere: Volitivo e determinato, quando desidera qualcosa non si lascia fermare da niente.

Fisicamente si presenta come una ragazzotta di campagna dai capelli rosso fuoco e gli occhi azzurri, la cui femminilità è sbocciata all’improvviso, come testimoniano gli abiti del primo incontro con Conrad e che a stento riescono a contenerla. Successivamente riesce a rimediare dei vestiti più adatti e può così scegliere di “apparire” quando e come gli occorre. Il che implica che adora curiosare tra negozi e bancarelle ogni volta che gli si presenta l’occasione, ma priva di un buon senso degli affari rischia di spendere tutto quello che ha per un vestito… in questo apprezza molto l’abilità di Conrad nel contrattare e spuntare se non il prezzo più basso, sicuramente il migliore possibile.
Per ora è presente ne “I razziatori di Etsiqaar” e nel “Furfante Derubato”, titolo provvisorio del prossimo racconto, dove ha un ruolo meno… impattante. Cosa che, credo, cambierà in corso d’opera: non è certo un segreto che i miei racconti siano incentrati sulle vicende di Conrad e sulla sua crescita, ma questo non vuol dire che debba perdere di vista il resto del mondo: men che meno coloro che gli stanno vicino.

Annunci