Il tòrto della tórta

Così iniziano le avventure di Conrad Musìn. Volevo proprio un personaggio  che si potesse chiamare Dino. In quanto figlio di mercanti quale cognome migliore di Musìn che in dialetto veneto vuol dire salvadanaio? In fondo mi accontento di poco. Al povero Conrad ho appioppato l’accusa infamante di ladro di torte e, non contento, gli ho fatto rischiare la pelle fin dal primo racconto e chi se ne importa se ha 11 anni e alcune idee assolutamente candide circa il mondo, la vita e tutto quel che c’è attorno. Ci penserà quanto di peggio (e di meglio) si può incontrare a fargli cambiare idea.

Forse.

Per ora ho pubblicato il primo racconto: il Torto della torta (A cake’s mistake, se riesco a tradurlo in inglese… sarà un bell’esercizio) e ho iniziato il secondo che per ora non ha un titolo. Del resto quella è l’ultima cosa che metto. Un po’ come la ciliegina sulla torta… già proprio quella.
Be’ caro Conrad… Dino, fatti forza che dopo la torta ti tocca la Fortezza, e chi vuol razziarla.
Il torto della torta

Annunci